Articolo31 – Fankytarro

 Funkytarro 
 
 Sol  Sol Do Re 
 Tipa, permetti una parola? Sai che c'hai una camminata che c'ho il cuore in 
 gola? Che tu sia sola lo sai è un peccato, ce l'hai un minuto? Ohu! Guarda, 
 non mordo, dammi uno sguardo: io sono un funkytarro DOC, tipa stop, con me 
 non devi far la snob, dai salta su, hop, sulla jeep, sentirai il profumo dei 
 miei sei Arbre Magique, come Bersani sono un Freak, tarro e t'atterro con lo 
 sguardo, sono fresh come la Marini e Adriano Pappalardo, io sono quello che 
 impennava con il Ciao, con la maglietta degli Squallor Arrapao, quello che 
 rimpiange la sella con le frange, la targa Arizona e la marmitta Proma, e 
 l'adesivo dei Kiss e di Bob Marley, il motorino che fa casino come 
 un'Harley. 
 Io sono un porco, sono un balordo, faccio rime giù in città, senza pudori né 
 riguardo sono un funkytarro! Io sono un porco, a volte storto, faccio rime 
 giù in città, ma di parole mai a corto, apri il tuo cuore baby perché sono 
 qua. 
 Mi metto a petto nudo nella music-hall, non sono beautiful, ma c'ho il 
 "fisic du ruole", e faccio gara alle giostre con il puncing-ball, come 
 faceva Terence Hill, ho l'orologio di Topolino comprato all'Autogrill, lo 
 porto sul polsino, non è Beverly Hills il posto dove vivo, bella mia, sono 
 un tipico tamarro di periferia che tiene al massimo l'autoradio, per me il 
 Garelli è un classico come gli interni in radica su una Ritmo cabrio, mi 
 piace la catenina con la croce d'oro sulla maglietta stile Tony Manero, la 
 sigaretta sopra l'orecchio, lo Zippo come accendino, se siamo a letto 
 rimango nudo ma col calzino, che fa tanto hard-core, ma non temere perché 
 uso il divor-odor. 
 Io sono un porco, sono un balordo, faccio rime giù in città, senza pudori né 
 riguardo sono un funkytarro! Io sono un porco, sono un balordo, faccio rime 
 giù in città, ma di parole mai a corto, apri il tuo cuore baby perché sono 
 qua. 
 Ho donne sparse per l'Italia, io colpisco e scappo via, ma con ognuna ho 
 fatto un pianto, ho pianto pure con la tua, tua, tua... 
 Tipa!...sono un funkytarro, l'anti-yuppies, faccio schifo tipo scarafaggio 
 alle creptis, ma bambina t'incanto quando parlo anche se la mia rima è tarra 
 come i film di Vanzina Carlo. Funky come Pino D'Angiò però, tarro come 
 Massimo Ciavarro, io sono un evergreen come le tendin....e sul lunotto 
 posteriore con disegnata Marilyn, oppure Jim, e ho visto l'era punk, quella 
 metallara, quella dark, quella paninara, quella dei finti ricchi, quella dei 
 finti poveri, e ancora io sono qui invariato, niente m'ha cambiato e sento 
 finalmente che il momento mio sia arrivato, tipa con gli altri non c'ho 
 sfida sai, il tamarro è sempre in voga perché non è di moda mai! 
 Io sono un porco, sono un balordo, faccio rime giù in città, senza pudori né 
 riguardo sono un funkytarro! Io sono un porco, a volte storto, faccio rime 
 giù in città, ma di parole mai a corto, apri il tuo cuore baby perché sono 
 qua. 
 Io sono un porco, sono un balordo, faccio rime giù in città, senza pudori 
 senza riguardo sono un funkytarro! Io sono un porco, a volte storto, faccio 
 rime giù in città, ma di parole mai a corto, apri il tuo cuore baby perché 

sono qua.

Articolo31 – Fankytarroultima modifica: 2007-09-30T17:39:15+02:00da aprudenzano
Reposta per primo quest’articolo